Disponibile da oggi in Italia Apple iMac Pro!

di Nikolas Pitzolu 0

Ed ecco arrivare la conferma da parte di Apple: iMac Pro disponibile all’acquisto in Italia da oggi 14 dicembre 2017! Le consegne nelle prossime settimane!

Con lo Slogan “la potenza si fa Pro” e con il solito claim che l’attuale dispositivo è il più potente iMac di sempre, il nuovo iMac Pro è disponibile da oggi nel nostro paese e si può acquistare direttamente dal sito ufficiale: alla fine dell’articolo forniremo le caratteristiche e i prezzi delle varianti.

La Società di Cupertino mette l’accento sulle prestazioni estreme che un dispositivo del genere può erogare e, molto spesso, la potenza, l’ottimizzazione e la qualità si paga: di fatti il prezzo per l’iMac Pro “base” è di quasi 6000 euro!

Chiaramente qua si va oltre il segmento alto che possono già raggiungere – ad esempio – i vari MacBook con processori Core i7 con schede video dedicate. E’ proprio una categoria ideata e sviluppata per i professionisti.

Apple in fase di presentazione ha enfatizzato il fatto che le prestazioni di questo prodotto possono fare in modo di effettuare Rendering 3D Live, produzione e post-produzione di elementi multimediali, editing e video editing, utilizzando risoluzioni sino ad 8K.

I nuovi iMac Pro sono stati pensati, variando di versione in versione, con i processori Xeon che includono quattro cluster di processori quad cores ad alta potenza, capaci di sprigionare una quantità di 22 Teraflops e riprodurre i contenuti su un display Retina 5K da 27 pollici.

Il lavoro di Apple va ben oltre il coordinare componenti di fascia Premium nel case del nuovo prodotto, ha ingegnerizzato ex novo un nuovo tipo di raffreddamento più silenzioso e capace di attivarsi solo se ce ne fosse bisogno.

Parlando di display, abbiamo a disposizione un pannello da 27 pollici con una luminosità massima di 500 Nits e una risoluzione pari a 5K.

Al di sopra presente una nuova fotocamera che permette di effettuare chiamate e video chiamate in Full HD con FaceTime e con una migliore stabilizzazione delle immagini in condizioni di scarsa luminosità, nonché un sistema per diminuire il rumore video.

Chi lo ha detto che solo gli smartphone – in questo caso iPhone – devono essere i soli precursori legati all’ambito sicurezza? Apple propone una soluzione hardware per incrementarla con il suo All-In-One, dedicando un componente che va a ricreare un’enclave sicura come fanno i dispositivi mobili dell’azienda con le informazione biometriche (Touch ID e Face ID).

Questo componente si chiama T2 e si sincronizza con CPU e SSD per poter caricare all’avvio solo software affidabile e firmato in maniera ufficiale e valida dai produttori partner di Apple.

Infine una breve menzione a quello che i professionisti- magari legati al mondo fotografico ma non solo – ambiscono di più: la parte grafica.

iMac Pro è dotato della GPU Vega che sprigiona sino ad 11 Teraflops, posizionandosi su uno dei gradini più alti per quanto riguarda le prestazioni di potenza bruta legata all’architettura GPU, che in questo caso si traduce in minor tempo di elaborazione e rendering di un contenute multimediale, oppure ancora una post produzione a singole sorgenti più veloce e precisa.

Ma anche in ambito videoludico, questa potenza si traduce in possibilità avanzate per il mondo della realtà virtuale e della riproduzione in 4K di giochi con framerate “granitico”.

Insomma, avrete capito che attualmente non c’è di meglio sul mercato, la potenza di questo dispositivo permette di avere a disposizione una dispositivo del segmento Workstation.

Di contro, ovviamente, c’è il prezzo. E proprio a corredo di questo riassumiamo alcune caratteristiche e le configurazioni disponibili con i prezzi per l’Italia:

iMac Pro versione base (5.599 euro):

  • Display Retina in risoluzione 5K da 27 pollici;
  • Processore Xeon W8 octa core con un clock da 3,2 GHz;
  • RAM pari a 32 GB su singolo banco;
  • SSD con capacità pari ad 1 TeraByte;
  • VGA AMD Radeon Pro Vega 56 con una VRAM dedicata da 8 GB;
  • Ethernet RJ45 con banda sino a 10 GB;
  • Quattro porte di tipo Thunderbolt chiaramente supportate con l’USB.

La variante base appena descritta può essere arricchita con l’upgrade dell’hardware e ovviamente il tutto costerà relativamente tanto!

Se si volesse passare ad un’architettura ancora più prestante si può scegliere il set-up con 10, 14 e 18 Core ma la spesa si potrebbe ingrandire sino a 2.800 euro, in caso si scegliesse proprio quest’ultima configurazione .

Se si vuole aumentare il modulo RAM e portarlo a 64 GB si dovrà spendere 960 euro in più, 128 GB invece inficeranno sul budget per ben 2.300 euro.

Se volete spingere al limite la memoria di archiviazione (sempre a standard SSD) arrivando a 4 TeraByte, il tutto costerà ben 3.400 euro in più.

Se volete avere l’esperienza definitiva per quanto riguarda prestazioni grafiche, vi serviranno altri 760 euro per la AMD Radeon Pro Vega 64 con una VRAM dedicata da 16 GB.

Se decideste, infine, di inserire la configurazione top di ogni segmento per avere l’iMac Pro top di gamma, il prezzo da sostenere sarà di 15.430 euro!

Chiaramente sono soluzioni per professionisti e oserei dire con un’aziende che finanzia e possa ammortizzare l’acquisto nel tempo.

In caso contrario, maggiormente indirizzato sui privati, esiste l’iMac standard che offre anche lui un livello di potenza per nulla indifferente!

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.