Apple starebbe abbassando le prestazioni degli iPhone con batterie più longeve!

di Nikolas Pitzolu 3

Secondo un report, Apple starebbe diminuendo le prestazioni degli iPhone da più tempo sul mercato (tenendo conto dell’usura della batteria) per preservare la loro integrità.

Iniziamo col dire subito che Apple non ha mai confermato questioni circa l’abbassamento prestazionale – voluto – dei propri dispositivi nel tempo, ma oggi vogliamo riportarvi un’esperienza documentata che dimostra che questo aspetto esista: non collegato direttamente alla longevità del dispositivo ma piuttosto legato alla longevità della batteria dello stesso.

Un utente assiduo del forum di Reddit ha riportato dei dati e un’esperienza abbastanza interessante, tra l’altro accompagnato da vicissitudine simili di altri utenti.

Partiamo dal punto che il cliente doveva sostituire la batteria al proprio iPhone 6S che, come sappiamo, è sul mercato da più di due anni. Prima di effettuare l’intervento però ha avuto l’idea di effettuare un passaggio su Geekbench per valutare la potenza bruta del suo dispositivo.

Stranamente le prestazioni sono state tagliate di un buon 30% sia in single core che in multi core, in confronto a quelle medie di un iPhone 6S. E questo risultato è stato rimarcato da un secondo passaggio, sempre con più o meno i medesimi risultati.

Dopo la sostituzione, il nuovo passaggio su Geekbench ha riportato i valori nella media che iPhone 6S detiene da tempo: intorno ai 2500 per il Single Core e intorno ai 4000 per il Multi Core.

Circa un anno fa Apple ha indetto una raccolta di un particolare lotto di iPhone 6S con un problema legato alla batteria che, tra le altre cose, faceva spegnere in maniera improvvisa i dispositivi affetti.

Se quel problema è ormai stato risolto, non si capisce il perché le batterie più longeve (quindi quelle che non sono state sostituite sotto quell’intervento precedente) siano “percepite” da iOS come a “attenzione a non erogare le massime prestazioni”. Evidentemente all’interno di iOS c’è un algoritmo che misura lo stato di usura della batteria e cerca di limitare i danni prevenendoli.

Questo processo potrebbe essere un metodo di salvaguardia del dispositivo da parte di iOS che, quando si trova a richiedere la massima potenza, blocca il Clock della CPU sotto un determinato valore per non richiedere la tensione massima e di conseguenza incorrere in uno spegnimento del dispositivo, come succedeva appunto per gli iPhone 6S con le batterie “fallate”.

Procedendo in questa direzione, Apple non ha dovuto ricorrere alla sostituzione di altri lotti di batterie, trovando una soluzione software lato Kernel per contenere il problema. Quindi ci viene da pensare che molti altri lotto ne siano affetti, magari in maniera minore.

Infine, vi segnaliamo che anche altri utenti hanno sollevato le stesse problematiche e alcuni stanno verificando questo anche con i più recenti dispositivi Apple: iPhone 7 in primis.

Insomma, speriamo che Apple dirami un comunicato a riguardo: anche perché di questo comportamento non se ne sapeva alcunché sino ad ora e chiaramente le prove mancano!

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
  • Davide Cagnina

    Bravi bravi veramente…ho lo stesso problema con iphone 6s…..ecco perche apple ha chiuso con me….coi nuovi aggiornamenti ti castrano il telefono così, secondo loro, vado sul nuovo modello per mantenere le prestazioni al top….giammai! piuttosto l’abbandono completamente…

    • Nikolas Pitzolu

      Ciao Davide! Hai notato anche tu un calo delle prestazioni con iPhone 6S? Più prove ci sono più sapremo se effettivamente Apple sta cercando di limitare la potenza dei suoi dispositivi più longevi!

      • Davide Cagnina

        Sì è ti posso dire la stessa cosa per mio fratello mia sorella e un mio amico