WWDC 2017, tutto ciò che è lecito attendersi da Apple

di Saverio Alloggio 0

La WWDC 2017 è sempre più vicina. L’evento Apple che riunisce gli sviluppatori si appresta a essere uno dei più interessanti degli ultimi anni. Secondo le indiscrezioni infatti, l’azienda di Cupertino non si limiterà ad annunciare novità in ambito software. È molto probabile dunque la presenza anche di nuovi dispositivi, che arricchiranno la line up della mela morsicata per il 2017.

 

Innanzitutto, è bene ricordare come la Worldwide Developers Conference 2017 si terrà dal 5 al 9 giugno a San José, in California. Apple, all’interno degli inviti di partecipazione, ha chiarito come, durante la giornata di apertura del 5 giugno, si terrà un vero e proprio Keynote. Tim Cook salirà sul palco alle 10 di mattina (le 19:00 in Italia), per presentare ufficialmente tutte le novità.

iOS 11, MacOS, WatchOS, tvOS

Per quanto riguarda la parte software, scontata l’introduzione alle prossime major release di WatchOS, tvOS e MacOS. Tutti i riflettori però saranno puntati su iOS 11, la nuova versione del sistema operativo mobile di Apple. La curiosità ruota essenzialmente attorno alle funzionalità che saranno integrate in questa nuova release, che consentiranno di avere qualche informazione su iPhone 8.

Pensiamo, ad esempio, alla tanto chiacchierata Function Area, ovvero la zona touch-screen che, nel prossimo melafonino, dovrebbe sostituire l’iconico Touch ID. iOS 11 dovrebbe contenere una serie di soluzioni per poter sfruttare questa nuova zona del dispositivo, che potrebbe davvero modificare in maniera profonda l’interazione tra l’iPhone e l’utente.

Un rende di iPhone 8 con Function Area

Un discorso in parte condivisibile anche con WatchOS. Il 2017 dovrebbe infatti essere il teatro del lancio della terza generazione di Apple Watch che, a differenza della Serie 2, potrebbe rappresentare un vero e proprio salto in avanti. Anche in questo caso, le novità contenute nel software potrebbero fornire indicazioni importanti per la parte hardware.

Situazione differente per MacOS. Nella seconda parte del 2016, Apple ha rinnovato la propria gamma di Macbook Pro. In tal senso dunque, non sono attese rivoluzioni, quanto piuttosto una rimodulazione del listino verso il basso. Non è escluso però che possano esserci novità in relazione ad iMac e Mac Mini, dettagli comunque da confermare.

Un render del Mac Mini 2017

Discorso a parte invece per tvOS. Il progetto Apple TV, da un punto di vista commerciale, stenta ancora a decollare. Questo però non ha impedito all’azienda di Cupertino di operare delle mosse ben precise in questi mesi, come l’assunzione di Timothy D. Twerdahl, in precedenza a capo del team Amazon Fire TV. Questo potrebbe preannunciare novità importanti nel settore dell’intrattenimento, che si sta configurando sempre più come un business centrale per il futuro della mela morsicata.

Non solo software alla WWDC 2017

Le varie indiscrezioni concordano sul fatto che Apple possa svelare nuovi dispositivi in occasione della WWDC 2017. Quello più probabile è senza dubbio il nuovo iPad Pro da 10.5 pollici. Recentemente Ming-Chi Kuo, noto analista della KGI, si è sbilanciato in merito, affermando come il prodotto in questione possa essere uno dei grandi protagonisti dell’evento.

Del resto, le recenti mosse dell’azienda di Cupertino risultano assolutamente coerenti con questa prospettiva. Basti pensare alla presentazione, a marzo, del nuovo iPad da 9.7 pollici, un modello che, da un punto di vista commerciale, si va inevitabilmente a scontrare con l’attuale iPad pro da 9.7 pollici, grazie soprattutto al prezzo contenuto per gli standard Apple.

iPad Pro 10.5 concept

È evidente dunque come il tanto chiacchierato iPad Pro da 10.5 pollici possa configurarsi come il nuovo top gamma in ambito tablet per la mela morsicata. Un dispositivo che, nonostante la diagonale, potrebbe presentare dimensioni generali identiche ad iPad Pro 9.7. Questo grazie essenzialmente ad un importante lavoro di riduzione delle cornici, così come specificato dallo stesso Ming-Chi Kuo.

Si parla della possibilità che l’iPad in questione integri il nuovo SoC A11. Una probabilità che cozza però con i ritardi di produzione di questo processore, dovuti essenzialmente al nuovo processo produttivo a 10nm FinFET. Ecco dunque profilarsi la presenza di un più conservativo A10x, che dovrebbe comunque garantire ottime prestazioni.

Le aspettative degli analisti attorno ad iPad Pro 10.5 sono molto elevate. Nel report dell’analista KGI si afferma come questa variante possa rappresentare il 15% delle spedizioni totali di tablet Apple per il 2017. Una possibilità che, in abbinata alle previsioni di vendita del nuovo iPad 9.7, potrebbe significare una netta ripresa del segmento specifico per l’azienda di Cupertino. Ma non è tutto.

Google Home

Sembra infatti che la WWDC 2017 possa vedere la presentazione anche di uno speaker touch-screen con SIRI integrato. Si tratterebbe di una vera e propria sfida verso Google Home, con un vantaggio strategico da non sottovalutare. Infatti, l’assistente vocale “made in Apple” può contare, fin da subito, su un ampio supporto linguistico. Una fattispecie che potrebbe consentire un immediato lancio globale dello speaker.

Un prodotto assolutamente coerente con la strategia Apple di creare un vero e proprio ecosistema. La prospettiva sarebbe quella di una perfetta integrazione di questo speaker con i vari iPhone, iMac, Macbook, iPad, Watch. Un vero e proprio centro multimediale casalingo, in grado di poter esaltare l’integrazione tra i vari dispositivi dell’azienda di Cupertino.

A questo punto, non ci resta che attendere l’inizio della WWDC 2017. L’appuntamento, ve lo ricordiamo, è per il 5 giugno prossimo. Staremo a vedere quelle che saranno le novità targate Apple, per un evento che catalizzerà l’attenzione mediatica della scena tecnologica mondiale.

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.